Spedizioni Gratuite per ordini superiori ai 50 ‚ā¨

Archives

I germogli di trifoglio hanno un elevato contenuto proteico e sono molto ricchi di fosforo, potassio, magnesio, calcio, ferro e zinco.

Sono conosciuti per le proprietà toniche e depurative.

Vi proponiamo questa ricetta semplice da realizzare con il TRIMASIO, i germogli essiccati di trifoglio.

INGREDIENTI: 1 finocchio, 5 ravanelli, 1 cucchiaio di trimasio

Lavate la verdura, spezzettatela, frullatela. Aggiungete il trimasio.

Il vostro smoothie è pronto! Potete servirlo condito con un filo di olio extravergine di oliva e un cucchiaio di aceto di mele

pasta-2germogli-miglio-e-saraceno

La pasta ai germogli, il nostro nuovo prodotto realizzato con soli germogli adatta sia al consumo crudo che classico.

La proponiamo in due versioni: 100% Germogli di Grano Saraceno oppure Germogli di Grano Saraceno e Germogli di Miglio.

Può essere utilizzata e condita a piacere noi suggeriamo due ricette!

Versione Cotta

Tempo di cottura 7 minuti in acqua bollente e salata cui avrete aggiungo un cucchiaino di olio extravergine di oliva. Accompagnatela con verdure stufate (esempio spinaci, biete, cavoli ecc) e conditela a piacere. Potete provare a gratinarla al forno tipo lasagne!

Versione Raw

Disponete la pasta in un piatto fondo e ricopritela con smoothie o con un centrifugato di verdure leggermete intiepidito, condite con un filo di olio extravergine di oliva, aceto di mele e, se piace, del pepe.

Per lo smoothipasta-germogli-grano-saracenoe suggeriamo un mix di sedano, mela, rapa.

Caratterizzato da foglie scure e bitorzolute, il cavolo nero o cavolo toscano  è  una riserva di risorse benefiche da sfruttare, è infatti un vegetale ricchissimo di sostanze antiossidanti sali minerali e vitamine.

cavolo-nero

 Perché non provarlo con la biofarina di germogli di miglio per creare un appetitoso pesto da usare come condimento o per pretarare degli sfiziosi crostini?

Pesto di Cavolo Nero e Germogli di Miglio

200g cavolo nero

20g di biofarina di germogli di miglio

2-3 cucchiai di olio extravergine d’oliva

Sale facoltativo

Lavare e pulire il cavolo nero, avendo cura con un coltello di incidere ed eliminare le coste.

Cuocere a vapore in pentola a pressione per circa 10-15 minuti minuti.

In un mixer unire il cavolo nero, la biofarina di germogli di miglio, l’olio, il sale.  

Frullare tutto fino ad ottenere un composto abbastanza omogeneo!

panna-vegetale-sraceno

Non potrete mai pi√Ļ fare a meno della panna vegetale di germogli di grano saraceno!

Provatela sia nella versione dolce che salata, scoprirete quanto gusto riuscirete a dare ai vostri piatti in pochissimo tempo!

E’ facile produrla in casa con la biofarina di Germogli di Grano Saraceno. Ecco la ricetta-

Scaldate in un pentolino dell’acqua, 250 grammi circa, quando bolle aggiungete 3 ¬†cucchiai di biofarina di germogli di grano saraceno. Lasciate intiepidire e filtrate. Avrete adesso il latte di germogli di grano saraceno da utilizzare per preparare la vostra panna vegetale.

Preparazione della Panna Vegetale ai Germogli di Grano Saraceno

100 g di latte di germogli di grano saraceno

180 g di olio di semi di girasole

1 cucchiaio di lecitina di soia

Per addolcirla: sciroppo di agave o altro dolcificante a vostra scelta.

Unite in un mixer al latte la lecitina, frullate, aggiungete se vi piace dello sciroppo di agave e sempre frullando l’olio ma lentamente.

La vostra panna adesso è pronta, mettetela in una ciotolina a riposare in frigor prima di usarla!

dragoncello Il Dragoncello è una spezia ricavata dalla pianta Artemisia dracunculus. Dalle proprietà digestive e depurative.

l sapore del dragoncello è pungente e aromatico, a metà tra il sale e il pepe, per questo possiamo considerarlo un ottimo esaltatore di sapidità naturale, utile per chi non può assumere sale per motivi di salute. Ricco di manganese, Favorisce inoltre la depurazione dell’organismo stimolando la diuresi

Sul perch√© questa pianta sia stata chiamata dragoncello ci sono diverse versioni: la forma delle radici¬†(che ricordano un groviglio di serpenti) potrebbe giustificarne il nome, ma √® anche accreditata l’ipotesi che dietro questa scelta ci sia l’antica fama che ha questa pianta di guarire dai morsi dei serpenti

Scopriamolo in cucina con questa ricetta!

Riso integrale con germogli di miglio e dragoncello

 

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

  • 250 gr di riso integrale
  • 750 cc di acqua
  • 1 carota
  • 1 cipolla
  • 1/2 costa di sedano
  • olio extravergine di oliva
  • 4 cucchiai di BIOFARINA DI GERMOGLI DI MIGLIO
  • 1 cucchiaio di Dragoncello tritato
  • Prezzemolo per guarnire i piatti

 

PREPARAZIONE

Sciacquate il riso, nel frattempo avrete fatto rosolare nella vostra pentola la verdura con un poco di olio e, se vi va, un pizzico di sale. Aggiungete il riso e fatelo saltellare qualche minuto. Aggiungete l’acqua (750 cc)

Chiudere la pentola e far cuocere per 20 minuti, abbassando la fiamma, a partire dal sibilo.

Fate sfiatare la pentola, apritela e aggiungete 4 cucchiai di BIOFARINA DI GERMOGLI DI MIGLIO e un cucchiaio di dragoncello tritato.

Servite guarnendolo con qualche foglia di prezzemolo e con un goccio di olio extravergine di oliva

 

verdure-invernali

La pentola a pressione alleata in cucina, fa bene  alla salute e al Pianeta.

Cucinare a vapore¬† √© uno dei metodi pi√Ļ sani possibili. Il vapore infatti permette di cuocere i cibi senza disgregare vitamine e sostanze organiche.

Scegliere la¬†cottura a vapore in pentola a pressione¬†permette non solo di cuocere i cibi in modo sano e ipocalorico, ma mantiene¬†inalterate le propriet√† nutrizionali dei cibi stessi,¬†permette di avere, dal punto di vista organolettico, qualit√† eccellenti e consente di ridurre dell’80% i tempi di cottura con risparmio di risorse energetiche e anche di tempo!

Questa nostra alleata in cucina risale a tempi andati:¬†i primi reperti di rudimentale cottura a pressione, infatti, risalgono agli Egizi e giungono poi fino al XVII secolo con la “digesteur” di Denis Papin, fisico francese la ‚Äúriscopr√¨‚ÄĚ e la perfezion√≤, tanto da essere la base per l’idea del motore a vapore.

La perdita di vitamine che avviene durante la cottura in pentola a pressione √® insignificante ai fini nutrizionali. Le vitamine sensibili al calore sono poche, essenzialmente la vitamina C e la tiamina. La prima, pur essendo contenuta anche nei vegetali, deriva principalmente dalla frutta, che non si sottopone quasi mai a cottura; la seconda √® lievemente deteriorabile con il calore. Entrambe sono idrosolubili, ma sebbene la pentola a pressione lavori a temperature elevate (circa 120 ¬įC) e in acqua, i tempi di cottura brevi fanno s√¨ che solo una piccola quantit√† di vitamine venga persa.

Tomini Dolci ai Germogli di Grano Saraceno & Albicocca

50 gr di biofarina Germogli di Grano Saraceno

200 gr di acqua

Mezzo cucchiaino di agar agar

3-5 albicocche essiccate

Un pizzico di sale

Semi di papavero

Portate a ebollizione l’acqua, aggiungete la biofarina di germogli di grano saraceno facendo attenzione a non fare grumi. Lasciate intiepidire.

A parte frullate le albicocche essiccate che avrete precedentemente amollato.

Aggiungete le albicocche, il pizzico di sale e l’agar agar e disponete il composto in formine a vostra scelta e cospargetelo con i semi di papavero

Mayonnaise vegetale ai germogli di miglio 

Olio di girasole: 100 ml

Latte di Germogli di Miglio: 50 ml

Lecitina di soia: 1 cucchiaio da caffè

Sale fino: 1 pizzico

Aceto o succo di limone: 1 cucchiaio

Versate nel bicchiere di plastica del frullatore ad immersione il latte di germogli di miglio, l‚Äôolio di semi di girasole, la lecitina di soia, ¬†un pizzico di sale e infine un cucchiaio di aceto o limone. Immergete all’interno del bicchiere il frullatore ad immersione e frullate gli ingredienti a velocit√† media, fino a che il composto non si sar√† addensato; ci vorranno pochi secondi. Trasferite la finta maionese senza uova in una ciotola e servitela ai vostri ospiti!

il¬†latte di germogli di miglio¬†√® una perfetta fonte di sostanze benefiche per l‚Äô organismo da consumare come alternativa al latte pi√Ļ tradizionale in quanto √®¬†100% vegetale, ricco di¬†proteine¬†e poverissimo di¬†grassi.

Il miglio contiene un enzima chiamato¬†lipasi, la cui propriet√† √® di dissolvere il grasso accumulato nel nostro organismo.¬†√ą un fermento che si deposita nei nostri succhi digestivi, favorendo la corretta decomposizione ed il corretto assorbimento dei nutrienti, e lavorando poi sugli acidi grassi.

Oltre ad eliminare il grasso in eccesso, il suo principale beneficio √® quello di separare gli acidi grassi degli alimenti rendendo la digestione pi√Ļ leggera ed evitando la classica ritenzione idrica. Sicuramente ci guadagnerete in salute!

I semi di miglio, inoltre, producono altri processi secondari che favoriscono la perdita di peso:

  • Permette di ridurre il livello elevato di glucosio nel sangue.
  • Regola il livello di colesterolo.
  • Aiuta il fegato
  • Apporta enzimi essenziali ai reni per ottimizzare il loro funzionamento ed¬†eliminare l‚Äôeccesso di liquidi.
  • Riduce l‚Äôipertensione.
  • La lipasi aiuta anche a mantenere arterie ben flessibili,¬†libere da depositi di grasso.

E’ abbastanza semplice preparare in casa questa bevanda grazie alla biofarina di germogli di miglio la preparazione è istantanea!

Bastano 3 cucchiai da caffè di biofarina di miglio per circa 250 cc di acqua: portate a ebollizione l’acqua, aggiungete la biofarina, spegnete il fuoco, lasciate riposare 5 minuti, filtrate e il latte di miglio è pronto!miglio-latte

gnocchi-di-zucca
INGREDIENTI: 1 kg di zucca, 1 kg di patate, 150/200 gr biofarina di germogli di miglio, sale, noce moscata, salvia, pepe.
Ricordatevi di cuocere la zucca in forno e non al vapore cos√¨ assorbir√† meno acqua e i vostri gnocchi saranno ancora pi√Ļ saporiti!.
Pulire quindi la zucca da buccia e semi, e infornarla a 150¬į per circa 20 minuti . Cuocere le patate a vapore, sbucciarle ancora calde e schiacciarle assieme alla zucca.
Aggiungere all’impasto un pizzico di sale e della noce moscata (a seconda del gusto) ed amalgamare la biofarina di germogli di miglio finché il composto risulterà sodo.
Stendere un po’ di farina su una spianatoia, formare dei salsicciotti con l’impasto e tirarli a mano, quindi con un coltello tagliare gli gnocchi ogni due centimetri.
Portare a ebollizione una pentola con abbondante acqua salata quindi gettare nell’acqua bollente gli gnocchi.
Quando vengono a galla sono pronti: trasferirli nei piatti con una schiumarola.
Soffriggere alcune foglie di salvia quindi versare il condimento sugli gnocchi scolati, pepare e buon appetito!

Un primo piatto divertente, diverso e gustoso.
Ingredienti: 150 grammi di germogli di grano saraceno essiccati e sfarinati, 50 grammi di pangrattato o di farina di segale integrale (suggeriamo farina di riso se volete uno gnocchetto gluten free), un cucchiaio di olio extravergine di oliva, sale, noce moscata, acqua.
Disponete in una ciotola le due farine, aggiungete il sale, l’olio, la noce moscata (mezzo cucchiaino da caff√©, ma la quantit√† dipende dai gusti) e pian piano aggiungete acqua tiepida e impastate. Per regolarvi con l’acqua considerate che dovete ottenere una pagnottina facilmente lavorabile e che non si attacca.
Lasciatela riposare almeno mezzora in frigor poi riprendetela. Stendetela con un mattarello e tagliatela oppure fate dei piccoli gnocchi.
Cottura in acqua bollente salata, sono pronti in pochissimo tempo non appena vengono a galla.
Condimento consigliato: porro soffritto e erbette.

INGREDIENTI: 600 grammi di mele rostaiole sbucciate, 3 uova, 300 grammi di zucchero, 150 gr di uvetta, 1 limone, cannella un pizzico, 75 grammi di farina di germogli di grano saraceno.
Sbucciate le mele e frullatele. Separate il rosso delle uova dal bianco che monterete a neve.
Il rosso dell’uovo amalgamatelo con lo zucchero fino a ottenere una crema morbida, aggiungete l’uvetta, la mela frullata, la cannella, la buccia del limone grattuggiata e la farina di germogli di grano saraceno.
A questo punto unite il bianco montato a neve.
Mettete l’impasto in una teglia da forno e guarnitelo, se ne avete, con le amarene sciroppate.
Ora mettete in forno ventilato a 2oo gradi per 30 minuti, lasciatela raffreddare prima di servire.
E’ ottima tagliata a quadretti e servita con gelato o panna montata.

Ingredienti: 75 gr di farina di germogli di grano saraceno, 2 patate, 1 carota, 1 gambo di sedano, 1 cipolla, 1 spicchio di aglio se gradito, qualche foglia di verza, alloro, rosmarino, salvia, timo, sale qb
Preparazione: sbucciate le patate, fatele cuocere in poca acqua con la carota tagliata a pezzi, il sedano, le foglie di verza tagluzzate, l’alloro. A fine cottura aggiungete gli aromi e il sale. Frullate. Aggiungete la farina di germogli di grano saraceno e servite con un filo di olio.

Solo prodotti naturali ×
Pagamenti sicuri grazie al circuito Paypal ×
A partire da ‚ā¨ 50 - Corriere Espresso ×
Anni di Esperienza nel settore ×